garbugli0

Carbonara: How to

Garbugli0 loves great cooking, especially the common one.

He believes that everyone has the full freedom to choose the best food for himself,

but at the same time he substains the principle according to which,
a healty feed is the first step for a strong growth and a better life condition.

He usually doesn’t like to chat about gourmet, great cousine and boring stuff,
world most famous chefs’ exclusive property.
(but if you’d like to invite him for a 1st class dinner, I don’t think He could refuse it!)

Anyway, there are simple “moral” rules in Kitchen governance, you should respect.
Something like:

1. Choose carefully your feed.


2. Be aware of which kind of substances you swallow.


3. Pretend quality instead of quantity.


4. The more you cook, the more you take care of yourself.


For these reasons, with this post Garbugli0 tries to speak about these short prinples,
absolutely necessary for a every day survival above cookers.
So: today let’s talk about Carbonara!


Carbonara is a typical italian example of fast&simple&huge meal.

Usually Italians eat  “pasta alla Carbonara” when:

– their fridge looks like an icy desert: deeply sad and truly empty.
– the time for lunch is too short: the time of whole dish preparation corresponds to pasta water boiling time.
– they’re so hungry (and maybe groomy) that only proteins and carbohydrates could restore their psychological equilibrium.
Preparation time: 5 minutes

Ingredients
– Pasta (almost 80 – 100 g per person) > choose a long type of pasta (like spaghetti, linguine, bucatini…)
– Bacon ( if you’re vegetarian you can change bacon with steam cooked – courgette!)
– Eggs (1 per person)
– Grate cheese (better, surely better if it’s pecorino)
– Olive oil (do you remember?!)

Carbonara: How to #1

 Tackles
– Pot for water boiling
– Colander (both for pasta)
– Pan for bacon
– Large bowl

Carbonara How to #2

1. Let’s boil the pasta: put a pot plenty of water on the cooker. Let boil it (for a faster boiler, keep a cover on the pot.)
When water makes bubbles (it’s boiling!!) throw a slim handful of coarse salt in it. (Please, remember that the bacon is already too much salted, so do not exaggerate with it!)

Carbonara How to #3
Give up the pot cover. And throw pasta into hot water.

Multitasking occured!

2. In the meanwhile the water is boiling, you have to:

2.a  break eggs in a bowl. With a fork start shaking eggs and mixing them with grate pecorino cheese,
2.b  brown your diced bacon in a pan with a few drops of oil.

Carbonara How to #4

Once Pasta is ready*, drain and put it in the bowl mixing all together pasta + eggs&pecorino + bacon.

Carbonara How to #5

*”pasta is ready” = To the tooth -> means that you must use your teeth for chew it, not that you have to wait until it becomes chewing gum! 

That’s enough.

No-ONE HERE IS TALKING ABOUT ADDING CREAM, BUTTER AND OTHER DIRTY THINGS, OK?

Now with this post, you do not have more excuses to choose in your supermarket kinky stuff like it

Don't call it Carbonara

That is not italian carbonara, so call it in another lazy name like “pasta alla chemerda” or “sta pasta mangiatelatu

RESPECT ITALIAN COUSINE or THE RUNS WILL INHABIT YOU, right?!?
and now ENJOY YOUR MEAL, SIR!

illustrations by Fronza

for any grammar mistakes, send your letter of complaint to Eleonora StesaCondita

Annunci
Questa voce è stata scritta da StesaConDitaInForno e pubblicata il febbraio 12, 2012 su 11:56 am. È archiviata in Da uno spascio nasce un aggiusto, English posts!, Menù del Giorno con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

10 pensieri su “Carbonara: How to

  1. troppo forte! 🙂
    ma che belle le illustrazioni!
    e w la carbonara! … se fatta bene 🙂

  2. francesco caputi in ha detto:

    prevero’ a farla …

  3. ariciao garbuglio 🙂
    non so come mai oggi ricevo via mail le notifiche dei commenti sul mio post dell’abbecedario, ma ppoi non si vedono nei commenti … boh!
    cmq, sarei felicissima se riesci a partecipare e meglio ancora ad ospitare, ti conviene mandare subito una mail ad Aiuolik a trattoriamuvara_at_gmail.com, dicendole quale regione vuoi fare, puoi dirle pure che hai visto l’iniziativa da me.
    dai dai che completiamo l’alfaberto! 🙂

    • Ciao Cinzia,
      effettivamente ho riscontrato un po’ di problemi su blogger…ho tentato di commentare sia il tuo post, sia quello di trattoria muvara…ma nada!

      ad ogni modo ho scritto una mail all’indirizzo per ospitare la O di Otranto o il Lazio…Garbugli0 incrocia le dita e si rimette ai fornelli!
      grazie mille ancora!
      un saluto!!
      e.

  4. Giuda in ha detto:

    Stimato Garbuglio,
    a parte l’inglese un po’ creativo che si inserisce comunque nella tradizione gloriosa del cuoco italiano a Broccolino, ti volevo segnalare che noi raffinatoni, quando la pancetta è fatta (a proposito, prova, prova a farlo col bacon e poi vedi che porcheria… Io lo so, purtroppo, per esperienza diretta) la mescoliamo con la pasta meno cotta che al dente nella stessa padella e col fuoco ancora acceso (è la famosa disciplina olimpica del salto in padella).
    Dopo un paio di minuti di furioso mescolio, noi filosofi della cucina spegniamo il fuoco e lasciamo freddare per un buon minuto (allontanandolo dalla piastra se si ha la malasorte di usare un fornello elettrico). A quel punto versiamo l’uovo sbattuto con sale e pepe nero (che tu hai inavvertitamente, voglio credere, lasciato in dispensa) e niente formaggio no no no che mi impedisce un buon controllo sul rapprendimento dell’uovo. Questa procedura consente una variante molto democratica: a chi piace cremosa la fa così, chi preferisce l’uovo più rappreso mescola sfuochettando un altro po’. I più pervertiti portano questa procedura alle estreme conseguenze: la pasta con la frittatina (de gustibus…).
    Il formaggio noi luminari della gastronomia lo grattuggiamo sul piatto di portata, last minute. Per completezza devo dire che sulle questioni etiche è mia abitudine lasciare libertà di coscienza e dunque lascio libera la scelta fra parmigiano e pecorino.

    • Audace Giuda,
      dato l’audience internazionale ti pregherei di commentare innanzitutto in inglese. Ora per ritrovarmi al tuo livello mi trovo costretta a scriverti in italiano.
      Come descritto sopra, il post tenta la titanica impresa di civilizzare gli anglofoni alla sensibilità ed alla cultura italiana, che con la tua spavalderia stai obnubilando.
      Per loro, rinomatamente la pasta è una plastilina gommosa anemica ed insipida, quindi non ti accanire come il professoruncolo universitario sulla maestrina che insegna l’alfabeto all’infante.
      facciamogli capire cos’ un ‘al dente’ e poi gli complicheremo la vita con variazioni sul tempo.
      stessa cosa per il bacon! ma cosa vuoi che ne sappiano della pancetta?!?
      Il formaggio si mette anche un po’ nell’uovo…chiedi a tua madre come la fa la frittata visto che su quella basi le tue teorie scientifiche.
      e a questo punto visto che stai a fare il prezioso, riscrivi le tue indicazioni preziosissime in inglese, anticipando chiaramente che t’assumi tutte le responsabilità del caso.

      chiudo con un fraterno T
      come nell’uso delle nostre più amabili conversazioni.

  5. Aggiunta all’elenco per l’abbecedario!!! Ora ti aspetto come partecipante anche per le altre lettere, mi raccomando!

  6. Giuda in ha detto:

    mi propongo di riscrivere il tutto in inglese, un giorno. Intanto sappi che
    “al dente” è un’espressione nota anche all’estero (forse non tantissimo fra gli anglofoni) e che la “pancetta” la compravo al Tesco a Cork, quindi fidati che sanno cos’è.
    Riassumendo: espressioni come “pancetta ham”, “al dente cooking”, and “mascarpone cheese”, sebbene dubbie e discutibili, sono senz’altro da preferire a “bacon”, “to the tooth” e “but big shoe”
    professoralmente tuo
    Mr. T

  7. Pingback: R di Roma per l’Abbecedario Culinario d’Italia | garbugli0

...e commenta sù!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: