garbugli0

Cronaca di una Cena a The Hub Bari

Gironzolando per il capannone 129 della Fiera del Levante l’altro giorno non sai quante occasioni per incontrare giovani teste fumanti…creativi, designer*, artigiani, ciclo-amatori, video-maker, appassionati d’arte e natura e semplici simpatici armati di buon spirito e volontà hanno portato la propria idea in The Hub!

In pratica, chiunque interessato alla libera circolazione delle idee e dei buon propositi, che abbia un’idea da far crescere o semplicemente la voglia di confrontarsi, in The Hub può trovare sostanza per i suoi progetti. Già nella prima tre giorni The Hub svoltasi dal 12 al 14 gennaio, un sacco di gente ha fatto cose. E in mezzo a questi c’era anche il nostro eroe!

Garbugli0 è stato tirato per la gola non appena ha sentito l’odore di cibo. e così con curiosità si è seguito tutta la cena preparata dal duo barese Fooding Social Club, resistendo alla tentazione di sedersi e mangiucchiare qualcosa, visto che era tutto preparato con CIBO SCADUTO! (*)


Questa simpatica provocazione a tavola ha dato il la ai commensali (agronomi, coltivatori, nutrizionisti, o piccoli imprenditori e forse dimenticherò qualcuno!?) per disquisire di crisi della società del consumo, di cibo come diritto e non come merce, in un Paese in cui circa il 3% del PIL è costituito da cibo buttato e in cui una onsistente parte della popolazione ha sempre più difficoltà economiche a reperire gli alimenti.
Tra un muffin salato e na lasagna verde poi, è emersa la necessità di maggiori garanzie nella sicurezza alimentare, come istanza prioritaria del consumatore odierno, in balia di etichette e scandali sempre più clamorosi mentre qualcun altro parlava di ‘obsolescenza programmata’ e di ‘descrescita felice‘, cavalli di battaglia del pensiero freno-a-mano di Serge Latouche.”
E ciammà fà – u ammà scittà?!?
Tanti gli spunti di riflessione, altrettante le proposte tra cui Frulez, un nuovo modo di esplorare il
cibo a Bari: frutta e verdura, stanche di essere sempre relegate al contorno ed al dessert, decidono di prendere in mano la situazione e di diventare Pasto. Km 0, biologico e slow sono parole chiave di questo ristoro in centro a Bari, in cui l’acqua è pubblica quindi smettetela di comprar bottigliette!

Garbugli0 tutto sommato fiducioso di questo esperimento conviviale, crede che mangiare sia frutto di un persorso personale di coscienza e conoscenza alimentare, che in questo marasma di jingle e packaging e food design (food de chè?) occorra na più intensa sensibilizzazione all’educazione al cibo, all’amore del corpo e della convivialità, come forma di condivisione e di crescita.

Per il resto, a livello gastronomico non può esprimere giudizi, purtroppo perchè non è che ha assaggiato…
magari chissà per una prossima volta, avrà anche modo di dire la sua!

Annunci
Questa voce è stata scritta da StesaConDitaInForno e pubblicata il gennaio 17, 2012 su 2:07 pm. È archiviata in Dal cucchiaio alla città, Menù del Giorno con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

...e commenta sù!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: