garbugli0

Martedi rosso

Visto che ci sono almeno un paio di buone notizie da festeggiare,

è martedì quindi si mangia rosso,

oggi Parmigiana

[…ce la siamo meritata in fondo sù!]

Trattasi di una pietanza non particolarmente difficile – cosa ci vorrà in fondo ad affettareinfarinarefriggere le melanzane – ma che richiede ordine ed organizzazione, altrimenti la sua preparazione potrebbe diventare un incubo di frittume e frustrazione.
Il mio caro Munari sostiene: “qualunque libro di cucina è un libro di metodologia progettuale. Il metodo progettuale non è altro che una serie di operazioni necessarie, disposte in ordine logico dettato dall’esperienza.“*
Ingredienti

Per raggiungere il target di gratificazione e godimento, occorre effettuare dei passaggi coordinati ed efficaci.
Accattiviamoci la simpatia delle melanzane

[occorre dire però che: – le melanzane una volta tagliate anneriscono in fretta > catena di montaggio mode_on -importante è non sporcarvi troppo le mani di farina/uovo perchè se no è un delirio, rischiando tra l’altro di impanarvi pure i polpastrelli.]

ma astutamente nel frattempo prepariamo la salsa.

Il consiglio vincente in questo caso è tenere un po’ più liquido il sugo, perchè il forno asciuga e a noi non piace cucinare per almeno 2 h per ottenere piccole suole di scarpe condite!

Un caro saluto agli amici manfredoniani che ci suggeriscono la carne macinata come elemento imprescindibile del sugo della parmigiana, ma sentitevi liberi di non complicarvi la vita con un’ulteriore difficoltà da tirare nel soffritto.

A questo punto la fase di preparazione volge al termine, ma non per questo possiamo sottovalutare la concentrazione necessaria a garantire la corretta posa in opera delle fette di melanzana fritte sulla teglia.

Indispensabile è:
– un’alternanza bilanciata tra sugo-melanzane-straccetti di prosciutto/salame/mortadella-brandelli di mozzarella/scamorza.
[la mortadella imporchisce – la mozzarella fila!]
– lo sfalsamento dei giunti!

forno sotto e sopra – 30-35 min – 180°C

Il principio della stratificazione tocca qui l’apoteosi.
ma ne parleremo prossimamente, se no Garbugli0 finisce presto.

*Bruno Munari, Da cosa nasce cosa, Editori Laterza, Bari 1981.

Annunci
Questa voce è stata scritta da StesaConDitaInForno e pubblicata il luglio 12, 2011 su 6:17 pm. È archiviata in Menù del Giorno con tag , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

2 pensieri su “Martedi rosso

  1. francesco caputi in ha detto:

    è proprio una tipologia di sito che ho nella mente pure io…

    buongustai…
    😉

    complimenti

    f.c.

  2. Pingback: Tipo-patate&cozze | garbugli0

...e commenta sù!!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: